articolo pubblicato | articolo in abbonamento
Sottoposto a Peer review

“Essere o non essere?”: reati tributari, sequestro preventivo e confisca del profitto (di nuovo) al vaglio delle Sezioni unite

Désirée Fondaroli

Archivio Penale pp. 698-704
DOI 10.12871/978886741577921 | © Pisa University Press 2016
Pubblicato: 30 agosto 2015


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati


Riassunto

L’Autore analizza la pronuncia delle Sezioni unite n. 10561 del 2014 che affronta il tema del sequestro preventivo finalizzato alla confisca diretta o per equivalente con riferimento alla questione «se sia possibile o meno aggredire direttamente i beni di una persona giuridica per le violazioni tributarie commesse dal legale rappresentante della stessa». Nel ripercorrere i punti salienti dei passaggi motivazionali della sentenza, l’Autore focalizza l’attenzione sull’esegesi offerta dalla Suprema Corte in ordine alla linea di demarcazione tra confisca diretta e confisca per equivalente e ai limiti di estensibilità della confisca ai beni riconducibili alla persona giuridica, ponendone in luce le criticità.


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati