articolo pubblicato | articolo in abbonamento
Sottoposto a Peer review

Il “criminale razionale”, ovvero la teoria microeconomica del crimine. Un saggio introduttivo

Giuseppe Chirichiello

Archivio Penale pp. 241-270
DOI 10.12871/97888331803044 | @ Pisa University Press 2018
Ricevuto: 08 giugno 2018 | Accettato: 14 giugno 2018 | Pubblicato: 18 giugno 2018


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati


Riassunto

Il presente saggio si propone di presentare la teoria del "criminale razionale" basata su quattro metodi microeconomici di base: le scelte in termini di utilità attesa a fronte dell'incertezza dell'essere o meno sorpresi a delinquere, l'approccio alla base della teoria dell'offerta individuale di lavoro in termini di scelte dell'uso del proprio tempo tra tempo libero, lavoro e tempo dedito al crimine, l'applicazione dell'analisi dei costi e benefici al numero ottimale di reati da commettere, ed infine  un'applicazione di teoria dei giochi.

Questi sono tutti i metodi principali di teoria microeconomica che hanno contribuito ad uno sviluppo importante della teoria economica del crimine a livello internazionale.

 

This paper runs through the theory of the "rational criminal" based on four basic microeconomic methods: the choices in terms of expected-utility in the face of the uncertainty of being or less surprised to commit a crime, an approach based on the Theory of the individual supply  of work in terms of choices of uses of time between leisure-time, work-time and time dedicated to crime, the application of cost analysis and benefits to the optimum number of crimes to be committed, and finally an application to the crime of games’ theory.

These all are the main methods of microeconomic theory that have contributed to an important development of the economic theory of crime at international level.


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati