articolo pubblicato | open access
Sottoposto a Peer review

Il reato di indebite compensazioni e il pericolo di un’interpretazione riduttiva

Nicolò Sbariggia

Archivio Penale
© dell'autore 2020
Ricevuto: 02 aprile 2020 | Accettato: 21 aprile 2020 | Pubblicato: 24 aprile 2020


L’intero articolo è disponibile


Riassunto

Con la sentenza n. 38042 la Corte di cassazione interviene, nuovamente, sulla materia delle indebite compensazioni, sostenendo, stavolta, che esse rientrano nell’alveo dell’art. 10-quater solo quando riguardino l’evasione delle imposte sui redditi e sul valore aggiunto. Con il contributo qui di seguito si vuole mettere in evidenza i punti critici della lettura della Corte, utilizzando sia gli argomenti presentati dalla stessa a supporto della propria tesi sia considerazioni di carattere generale, anche di stampo pratico, sulla base dei quali appare chiaro come la sfera di efficacia dell’illecito in esame debba essere definita in base al rinvio operato all’art.17 d.lgs. 241/1997.


The crime of undue compensation and the danger of a reductive interpretation


With the judgment n. 38042, the Court of cassation intervenes, once again, on the matter of undue compensation, arguing, this time, that they fall within the scope of art. 10-quater only when they concern the evasion of income and value added taxes. With the contribution below we want to highlight the critical points of the reading of the Court, using both the arguments presented by the same in support of its thesis and general considerations, including practical ones, on the basis of which it is clear how the sphere of effectiveness of the offense under examination must be defined on the basis of the postponement made pursuant to article 17 of Legislative Decree 241/1997.


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L’intero articolo è disponibile