Pubblicato in: Giurisprudenza di legittimità

Impugnazioni - Cass., Sez. un., 14 febbraio 2017 (ud. 27 maggio 2016), Aiello

 16 febbraio 2017

Redazione

cassazione01.jpg

La Suprema Corte di cassazione nella sua più alta formazione ha risposto al seguente quesito:
"se, in presenza di un ricorso cumulativo per diversi ed autonomi capi di imputazione, per i cui reati sia intervenuta la prescrizione dopo la deliberazione di appello, l'accoglimento dei motivi afferenti un capo imponga o meno la dichiarazione di prescrizione anche per i distinti ed autonomi capi di imputazione, pur quando i pertinenti motivi siano invece giudicati originariamente inammissibili".

Statuendo i principio di diritto secondo cui:
"in caso di ricorso avverso una sentenza di condanna che riguardi più reati ascritti allo stesso imputato (sentenza oggettivamente cumulativa) l'autonomia dell'azione penale e dei rapporti processuali inerenti ai singoli capi di imputazione impedisce che l'ammissibilità dell'impugnazione per uno dei reati possa determinare l'istaurazione di un valido rapporto processuale anche per i reati in relazione ai quali l'impugnazione sia inammissibile e preclude per detti reati, in relazione ai quali si è formato il giudicato parziale, la possibilità di rilevare la prescrizione maturata dopo la sentenza d'appello".

Sentenza