articolo pubblicato | articolo in abbonamento
Sottoposto a Peer review

In margine alla proposta di istituzione della Procura europea per la tutela degli interessi finanziari dell’Unione

Ettore Squillaci

Archivio Penale pp. 168-184
DOI 10.12871/978886741315712 | © Pisa University Press 2016
Pubblicato: 20 aprile 2014


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati


Riassunto

L’Autore analizza il contenuto della proposta di regolamento per l’istituzione della Procura europea, recentemente licenziata allo scopo di assicurare un più efficace contrastoai reati che ledono gli interessi finanziari dell’Unione. Il modello proposto prevede una scissione tra azione penale e giurisdizione – nel senso che la prima è affidata al Procuratore europeo, laddove la seconda resta invece nelle mani dei giudici nazionali – e si espone a talune critiche dovute alla scarsa determinatezza della tecnica redazionale prescelta, nonché all’assenza di una micro-codificazione di diritto penale sostanziale e processuale, da coordinare e completare con i singoli ordinamenti giuridici nazionali.


Sommario

1. Considerazioni introduttive. - 2. Lo statuto della Procura europea. - 3. I poteri relativi alle indagini e all’esercizio dell’azione penale. - 4. Le garanzie difensive. - 5. Conclusioni.

Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati