articolo pubblicato | articolo in abbonamento
Sottoposto a Peer review

La legalità come inconveniente: la “dimenticanza della legge” e le sue conseguenze nella teoria del reato.

Gabriele Civello

Archivio Penale
© Pisa University Press 2017
Ricevuto: 26 luglio 2017 | Accettato: 28 luglio 2017 | Pubblicato: 30 luglio 2017


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati


Riassunto

L’Autore illustra l’attuale tendenza della giurisprudenza italiana ed europea a considerare la legalità come un “inconveniente”, vale a dire un ostacolo da superare o neutralizzare, in nome di preminenti esigenze di politica criminale; posto che tale deriva “culturale” conduce a conseguenze intrinsecamente inaccettabili, l’Autore propone un nuovo studio su tre fondamentali domande: cos’è la “materia penale”? Cos’è la “legge penale”? Quale è la ratio fondamentale della legalità penale?

 

The author shows the current trend of Italian and European jurisprudence to consider legality as an “inconvenience”, i.e. an obstacle to skip or neutralize in the name of prevailing criminal policy purposes; this “cultural” drift leads to intrinsically unacceptable consequences, therefore he author proposes a new study on three fundamental questions: what is “criminal matter”? What is “criminal law”? What is the fundamental ratio of criminal legality?


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati