articolo pubblicato | open access
Sottoposto a Peer review

La singolare applicabilità dell’avocazione delle indagini ex artt. 412 e 407 co. 3-bis c.p.p. nei soli casi di (evanescente) inerzia “effettiva” del pubblico ministero

Alfredo Bargi

Archivio Penale
© dell'autore 2018
Ricevuto: 24 luglio 2018 | Accettato: 25 luglio 2018 | Pubblicato: 26 luglio 2018


L’intero articolo è disponibile


Riassunto

È poco convincente la distinzione tra inerzia “effettiva” ed inerzia “apparente”, che sarebbe speculare a quella tra avocazione “obbligatoria” e “facoltativa” dell’avocazione delle indagini da parte del Procuratore generale ai sensi del combinato disposto degli artt. 412 e 407 co. 3-bis c.p.p., nei termini suggeriti dalla recente risoluzione del C.S.M. Tale impostazione, tra l’altro, trascura di considerare la funzione di garanzia di legalità processuale del potere-dovere assegnato all’istituto dell’avocazione a tutela del principio di completezza delle indagini, quale presupposto indefettibile dell’esercizio dell’azione penale o della richiesta di archiviazione. È altrettanto poco persuasiva l’eccessiva enfatizzazione dell’insufficienza delle risorse economiche, quale valore “esogeno” idoneo a giustificare l’inazione del pubblico ministero, che finisce per svilire la prospettiva dell’attività giudiziaria come servizio pubblico.

 

It is unconvincing the distinction between "effective" inertia and "apparent" inertia, which would be mirrored to that between "obligatory" and "optional" avocation of the avocation of investigations by the Attorney general in accordance with the combined provisions of Arts. 412 and 407 co. 3bis C.P.P., in the terms suggested by the recent C.S.M. resolution. This approach, inter alia, neglects to consider the function of guaranteeing procedural legality of the power-duty assigned to the Institute of Avocation to protect the principle of completeness of the investigations, as an indefectible assumption The exercise of criminal prosecution or filing requests. The excessive emphasis on the insufficiency of economic resources, as an "exogenous" value capable of justifying the inaction of the public prosecutor, is equally unpersuasive, which ultimately demeans the prospect of judicial activity as Public service.


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L’intero articolo è disponibile