articolo pubblicato | open access
Sottoposto a Peer review

Le “fonti anonime” di conoscenza ed il processo penale

Damiano De Rosa

Archivio Penale
© dell'autore 2017
Ricevuto: 10 marzo 2017 | Accettato: 18 marzo 2017 | Pubblicato: 20 aprile 2017


L’intero articolo è disponibile


Riassunto

                                                                          Abstract

La giurisprudenza di merito e di legittimità formatasi in ordine alle modalità applicative della normativa sulle fonti anonime ha generato una lenta, ma progressiva erosione dei presidi di impermeabilità originariamente posti dal legislatore a tutela della "certezza genetica" delle fonti processuali. 

Conseguenza diretta ed immediata ne è stata la sostanziale alterazione del regime di utilizzabilità dei risultati conoscitivi prodotti e producibili dalle fonti anonime di conoscenza, nonché la contestuale apertura della problematica ad ulteriori sviluppi interpretativi.

 

The jurisprudence about the application modalities of anonymous sources of law has led to a slow, yet progressive erosion of those protection systems, originally set by the legislator in order to defend the “genetic certainty” of the procedure sources. As a direct and immediate consequence, this has resulted in a substantial change in the usability regime of the cognitive results produced or producible by the anonymous sources of knowledge, as well as in a potential opening on further interpretative developments .

 


Sommario

                                                                                                          


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L’intero articolo è disponibile