articolo pubblicato | articolo in abbonamento
Sottoposto a Peer review

Le leggi di amnistia ed indulto: tra riforme costituzionali riuscite o tentate e occasioni mancate

Paola Mazzina

Archivio Penale pp. 167-183
DOI 10.12871/978886741817613 | © Pisa University Press 2017
Ricevuto: 06 marzo 2017 | Accettato: 09 marzo 2017 | Pubblicato: 17 marzo 2017


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati


Riassunto

                                                                                                                                      Abstract:

Il lavoro intende indagare l’evoluzione della disciplina con la quale, nel corso della storia repubblicana, sono stati regolati gli istituti dell’amnistia e dell’indulto. Nel rivolgere l'attenzione al sistema delle fonti ed alle ricadute sulla forma di governo, lo studio prende le mosse dalla discussione avviata in Assemblea Costituente per arrivare alla proposta di riforma costituzionale Renzi-Boschi ed alla recente pronuncia della Corte costituzionale n. 35/2017 relativa alla legittimità della legge elettorale per la Camera dei deputati. Al di là dell’esito, l’obiettivo è quello di ricostruire una tendenza – quella del legislatore – ed alcune problematiche aventi ad oggetto l’argomento dell’indagine.


Sommario

Premessa. - 1. L’art. 79 della Costituzione: da un eccessivo abuso dell’istituto ad un eccessivo irrigidimento procedurale. - 2. Leggi di amnistia ed indulto nel testo di riforma costituzionale Renzi-Boschi: riflessioni di prospettiva sulle leggi organiche. - 3. Gli atti di amnistia ed indulto alla prova della forma di governo e della riforma elettorale: un’esperienza su cui riflettere. - 4. Brevi considerazioni finali.

Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati