articolo pubblicato | open access
Sottoposto a Peer review

L’oratoria, l’oratore e la prova nel processo penale: il carattere destinativo dell’“eloquenza argomentativa” (l’agnizione)

Carlo Morselli

Archivio Penale
© dell'autore 2017
Ricevuto: 05 settembre 2017 | Accettato: 23 settembre 2017 | Pubblicato: 27 settembre 2017


L’intero articolo è disponibile


Sommario

Siamo lieti di annunciare al Lettore che è stato nuovamente pubblicato il presente scritto arricchito e completo:


L’oratoria, l’oratore e la prova nel processo penale: il carattere destinativo dell’“eloquenza argomentativa” (l’agnizione)


Sommario: 1. L’oratoria forense. – 2. L’eloquenza forense. – 3. Il processo penale – 4. Il rito. – 5. Azione e narrazione: la “liturgia della parola “. – 6. L’arringa difensiva quale “capitalizzazione “del materiale probatorio. – 7. Prova e i prolegomeni del giudizio. – 8. Le proposizioni argomentative: contronominale, modus tollens, l’argomento apagogico. Distinzione tra «prove di fatto e di ragionamento» (Quintiliano). – 9. L’eccezione (fortemente) enfatica, con finalità persuasive – 10. Le memorie scritte (l’importanza delle).


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L’intero articolo è disponibile