articolo pubblicato | open access
Sottoposto a Peer review

Resistenze giurisprudenziali al capolinea: la forza granitica della sentenza di assoluzione e la necessaria riassunzione della prova dichiarativa anche nel giudizio d’appello da rito abbreviato

Nicoletta Mani

Archivio Penale
© dell'autore 2017
Ricevuto: 02 maggio 2017 | Accettato: 06 maggio 2017 | Pubblicato: 08 maggio 2017


L’intero articolo è disponibile


Riassunto

É affetta da vizio di motivazione ex art. 606, co. 1, lett. e), cod. proc. pen., per mancato rispetto del canone di giudizio ‘al di là di ogni ragionevole dubbio’, di cui all’art. 533, co. 1, cod. proc. pen., la sentenza di appello che, su impugnazione del pubblico ministero, affermi la responsabilità dell’imputato, in riforma di una sentenza assolutoria emessa all’esito di un giudizio abbreviato, operando una diversa valutazione di prove dichiarative ritenute decisive, senza che nel giudizio di appello si sia proceduto all’esame delle persone che avevano reso tali dichiarazioni.


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L’intero articolo è disponibile