articolo pubblicato | open access
Sottoposto a Peer review

Rinnovazione istruttoria anche in caso di reformatio in peius parziale: l’inarrestabile metamorfosi del giudizio di appello

Gaia Caneschi

Archivio Penale
© dell'autore 2017
Ricevuto: 14 settembre 2017 | Accettato: 20 settembre 2017 | Pubblicato: 27 settembre 2017


L’intero articolo è disponibile


Riassunto

L’ormai inarrestabile metamorfosi del giudizio di appello, che da critica della decisione di primo grado pare esserne diventato una vera e propria riedizione, si coglie chiaramente nella decisione della Cassazione in commento. 

La Suprema Corte ha infatti affermato la necessità di rinnovare l’istruttoria dibattimentale anche in caso di riforma non radicale della sentenza di primo grado, qualora l’overturning si fondi su una diversa valutazione di prove dichiarative.         
Sulla portata di tale orientamento giurisprudenziale interno, e in particolare sulla sua dichiarata discendenza dagli insegnamenti della Corte europea dei diritti dell’uomo, appare peraltro necessario soffermarsi in chiave critica.

 

The unrestrainable metamorphosis of the appeal trial, from critique to the first degree judgment to an actual repetition of it, can be clearly perceived in the Supreme Court decision here commented.

Indeed, the Corte di Cassazione has stated that a renewal of the evidentiary trial is required even in case of an only partial amending of the first degree judgment, if the overturning is based on a different evaluation of a witness evidence.

Nevertheless, it looks necessary to analyse critically the grounds of this national jurisprudential thought, particularly in its declared deriving from principles expressed by the European Court of Human Rights.

 


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L’intero articolo è disponibile