articolo pubblicato | articolo in abbonamento
Sottoposto a Peer review

Associazione mafiosa e riciclaggio: nessun concorso

Ranieri Razzante

Archivio Penale pp. 705-714
DOI 10.12871/978886741577922 | © Pisa University Press 2016
Pubblicato: 30 agosto 2015


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati


Riassunto

L’Autore analizza la recente pronuncia delle Sezioni unite della Suprema Corte, nella quale si è affermato il principio di diritto secondo cui il delitto di riciclaggio è idoneo a rappresentarsi anche in presenza di una condotta di mero trasferimento del denaro di provenienza delittuosa da un conto corrente all’altro, giacché detta condotta si configura come volta a ostacolare la tracciabilità dello stesso denaro. Nel ripercorrere le linee essenziali dell’iter argomentativo seguito dai giudici di legittimità, l’Autore focalizza l’attenzione sulle ricadute esegetiche della pronuncia in commento, riflettendo sui risvolti interpretativi in punto di elemento soggettivo del reato e sulla estensibilità dei principi affermati dalla Cassazione alla nuova fattispecie di “autoriciclaggio”, di recente approvata in via definitiva dal Parlamento.


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati