articolo pubblicato | open access
Sottoposto a Peer review

Il Presidente e lo Sciamano. Riflessioni sul ruolo del diritto penale come elemento regolatore dell’infosfera

Tommaso Guerini

Archivio Penale
© dell'autore 2021
Ricevuto: 10 febbraio 2021 | Accettato: 19 febbraio 2021 | Pubblicato: 22 febbraio 2021


L’intero articolo è disponibile


Riassunto

L'assalto a Capitol Hill rappresenta un'occasione per riflettere sugli strumenti di prevenzione e repressione di condotte lesive di interessi fondamentali - quali il corretto esercizio del voto e il regolare insediamento degli organi costituzionali - nell'epoca dell'infosfera.

La rivoluzione digitale, che sta subendo un’ulteriore accelerazione a causa dell’emergenza pandemica, sta determinando pericolosi spazi vuoti dal diritto, nei quali proliferano fake newshate speech, fino ad arrivare a veri e propri culti come QAnon.

Alcuni ordinamenti – come Francia e Germania, stanno tentando di regolare – anche attraverso l’utilizzo della legge penale – questo brave new world digitale e lo stesso prevede di fare l’Unione Europea attraverso la strategia “Shaping Europe’s digital future”.

Di fronte a questo quadro così frastagliato, emerge con ulteriore evidenza l’arretratezza della legislazione italiana, in particolare nel negletto settore dei reati elettorali, che risulta, oltre che inefficace, scarsamente compatibile con un modello di diritto penale liberale e costituzionalmente orientato.


The President and the Shaman


The jan. 6 assault on the Capitol represents an opportunity to reflect on the instruments of prevention and repression of conduct harmful to fundamental interests - such as the correct exercise of the vote and the regular installation of constitutional bodies - in the age of the Infosphere.

The digital revolution, which is undergoing a further acceleration due to the pandemic emergency, is creating dangerous empty spaces from the law, in which fake news, hate speech proliferate, up to real cults such as QAnon.

Some legal systems - such as France and Germany, are trying to regulate - also through the use of criminal law - this digital Brave new world and the European Union plans to do the same through the "Shaping Europe's digital future" strategy.

Meanwhile, the Italian legislation - especially in electoral matters - is archaic and hardly compatible with a liberal model of criminal law.


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L’intero articolo è disponibile