articolo pubblicato | open access
Sottoposto a Peer review

Imputazione coatta “abnorme”: alle Sezioni unite la questione sulla legittimazione a impugnare dell’indagato

Caterina Scaccianoce

Archivio Penale
© dell'autore 2018
Ricevuto: 16 gennaio 2018 | Accettato: 17 gennaio 2018 | Pubblicato: 18 gennaio 2018


L’intero articolo è disponibile


Riassunto

Le Sezioni unite sono chiamate a risolvere un contrasto interpretativo in merito alla legittimazione dell'indagato a impugnare con ricorso per cassazione l'ordine d’imputazione coatta emesso dal giudice per le indagini preliminari per un reato diverso da quello per il quale l’organo inquirente aveva richiesto l'archiviazione. Dopo avere illustrato i diversi orientamenti, l'Autrice spiega le ragioni per le quali non può non riconoscersi all'indagato la legittimazione a impugnare tale provvedimento, trattandosi di atto abnorme che lede sia le prerogative del pubblico ministero in merito all’esercizio dell’azione penale sia il diritto al contraddittorio.

 

The United sections are called upon to resolve an interpretative contrast with regard to the legitimacy of the suspect to appeal with appeal to the Court of Cassation the compulsory enforcement order issued by the judge for preliminary investigations for a crime other than that for which the investigative organ had requested archiving. After having illustrated the different guidelines, the author explains the reasons why he cannot fail to recognise the question of the legitimacy to challenge such a measure, being an abnormal act which affects both the prerogatives of the public Prosecutor on To the exercise of criminal prosecution is the right to adversarial


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L’intero articolo è disponibile