articolo pubblicato | open access
Sottoposto a Peer review

La sconfinata giovinezza delle misure di prevenzione

Andrea De Lia

Archivio Penale
© dell'autore 2017
Ricevuto: 19 febbraio 2017 | Accettato: 03 marzo 2017 | Pubblicato: 06 marzo 2017


L’intero articolo è disponibile


Riassunto

L’autore affronta il tema delle misure di prevenzione personali, e di quelle reali, sviluppando una analisi sintetica del dibattito dottrinale e giurisprudenziale che si è formato in ordine agli istituti più problematici. Il sistema ruota attorno al concetto di pericolosità sociale, che tuttavia in realtà nasconde la politica di contrasto al sospetto. Le misure preventive personali al fine di perseguire lo scopo dell’efficienza rischiano di pervenire all’errore, e quindi alla sanzione dell’innocente. Le misure patrimoniali si pongono in un contesto di strumenti di contrasto a vecchie e nuove forme di criminalità ormai saturo, e non essendo dipendenti dall’accertamento di reali elementi di pericolosità rischiano spesso di sovrapporsi ad altre conseguenze sanzionatorie classiche del diritto penale, ed a quelle caratteristiche dell’ordinamento tributario, in un inammissibile connubio afflittivo. La verifica di legittimità costituzionale restituisce oggettivamente un risultato negativo per l’interprete, ma il legislatore, forte di orientamenti giurisprudenziali anche sovrannazionali che si collocano in posizione conservativa dello status quo, non solo non sembra orientato ad una riforma in chiave garantista, ma è sempre più proteso all’estensione della disciplina, ed addirittura ad un perfezionamento della fase esecutiva (anziché di quella di accertamento), mosso da una evidente e persistente ansia preventiva.

 

The author deals with the issue of personal prevention measures, and the real ones, developing a concise analysis of the doctrinal and jurisprudential debate that has been formed in order to most problematic institutions. The system revolves around the concept of social dangerousness, but it actually hides the contrast to the suspicion. Personal preventive measures in order to pursue the aim of efficiency are likely to be sent to the error, and then to the punishment of the innocent. The real measures are in a satured context of law enforcement instruments to old and new forms of crime, and not being dependent from ascertainment of real elements of danger are often at risk of overlap with other classic punitive measures in an inadmissible combination afflictive. The constitutionality verification objectively returns a negative result for the interpreter, but the legislator is in conservative position of the status quo, and not seems oriented to a real reform, driven by a clear and persistent preventive anxiety.

 


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L’intero articolo è disponibile