articolo pubblicato | open access
Sottoposto a Peer review

Le posizioni d’obbligo penalmente rilevanti nel contesto della Protezione Civile

Cecilia Valbonesi

Archivio Penale
© dell'autore 2021
Ricevuto: 11 febbraio 2021 | Accettato: 18 febbraio 2021 | Pubblicato: 19 febbraio 2021


L’intero articolo è disponibile


Riassunto

Il processo ricognitivo delle responsabilità legate alle conseguenze nefaste di taluni eventi naturali presenta non poche insidie che, certamente, influenzano la corretta individuazione delle posizioni d’obbligo. Fra i profili di maggiore criticità devono annoverarsi, da un lato, il complesso quadro normativo che demanda alla tipologia dell’evento occorso l’individuazione dei soggetti competenti ad intervenire e, dall’altro, l’irrisolto dibattito sulle conseguenze, in termini funzionali, del diritto amministrativo dell’emergenza. Inoltre, un ruolo decisivo deve essere riconosciuto all’influenza sempre più pregnante del quadro europeo di intervento. Tuttavia, la razionalità del sistema può essere preservata, in primo luogo, attraverso la valorizzazione delle diverse declinazioni del rischio offerte dalla scienza, alle quali è possibile associare peculiari aree di intervento che meglio disegnano la posizione di garanzia dei soggetti gravati da obblighi di Protezione Civile. Parallelamente, è possibile non soltanto riflettere sul rapporto che sussiste fra discrezionalità amministrativa (o tecnico - amministrativa) e poteri-doveri impeditivi ma, altresì, sull’importanza della partecipazione della popolazione al necessario processo di preparazione al rischio che deve essere realizzato attraverso una sempre maggiore procedimentalizzazione delle misure di intervento.


Criminally relevant duty to act in the context of Civil Protection


The identification of responsibilities linked to the disastrous consequences of natural events presents many difficulties which, certainly, influence the correct identification of the duty to act. The most critical profiles include, on one hand, the complex regulatory framework that determines the competence according to the severity of event and, on the other, the unresolved debate on the consequences of the administrative law of the emergency. In addition, a crucial role must be attributed to the growing influence of the European intervention framework. However, the rationality of the system can be preserved, firstly, through the enhancement of the different expressions of risk offered by science, useful to better design the duties related to Civil Protection. At the same time, it is possible not only to reflect on the relationship between administrative (or technical-administrative) discretionality and preventive duties, but also on the role of the population in adopting preparatory measures against risk. This effort must be realized through an increasing proceduralism of the measures.


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L’intero articolo è disponibile