Pubblicato in: Il Merito

Ordinamento penitenziario – Magistrato di Sorveglianza di Sassari, ord. 23 settembre 2016 (ud. 20 settembre 2016), Gallico, con nota di E. Addate

Sassari

«Sebbene nell’ambito dell’art. 41-bis, co. 2-quater, ord. penit. l’applicazione della durata minima non debba essere collegata a fattori propriamente eccezionali, non debba essere necessariamente di breve durata, non richieda un apposito provvedimento motivato da comunicare al Provveditore regionale e alla Magistratura di Sorveglianza, tuttavia l’esercizio del potere discrezionale dell’Amministrazione nella scelta fra la durata massima e quella minima va giustificato e deve rispondere in concreto (non per astratte indicazioni generalizzate valevoli per qualsiasi istituto), a ragioni di sicurezza, di ordine, di organizzazione interna, che davvero non rendano possibile consentire ai detenuti di permanere all’aperto per due ore al giorno (in aggiunta al tempo da tra-scorrere negli spazi interni comuni)».

Ordinanza

Nota di E. Addante, Il diritto alla permanenza all’aria aperta per il detenuto sottoposto al regime detentivo speciale: un’evasione dalla legalità