articolo pubblicato | articolo in abbonamento
Sottoposto a Peer review

Problemi della «liberazione anticipata speciale»

Pasquale Bronzo

Archivio Penale pp. 619-645
DOI 10.12871/978886741317114 | © Pisa University Press 2016
Pubblicato: 20 agosto 2014


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati


Riassunto

L’autore, dopo aver ricostruito la ratio della misura, volta al contrasto dell’attuale situazione di sovraffollamento carcerario attraverso la temporanea elevazione dello sconto che viene riconosciuto, per ogni semestre di pena scontata, ai detenuti che abbiano dato prova di partecipazione all’opera rieducativa, analizza gli aspetti controvertibili della disciplina. In particolare, si segnalano: l’irrilevanza, ai fini dello sconto, dei periodi di espiazione extracarceraria; l’esclusione dai beneficiari dello sconto di alcune categorie di detenuti presuntivamente pericolosi; i problemi di diritto intertemporale generati dal passaggio tra la disciplina disegnata dal decreto legge e quella della legge di conversione.


Sommario

1. Il decreto “svuotacarceri”. - 2. La liberazione anticipata speciale. - 3. “Indulto mascherato”? - 4. L’ambito oggettivo di applicazione. - 5. L’ambito soggettivo di applicazione. - 6. L’esclusione dei detenuti sottoposti al regime di cui all’art. 4-bis ord. penit. - 7. Problemi di diritto intertemporale: la successione delle leggi penitenziarie.

Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati