articolo pubblicato | articolo in abbonamento
Sottoposto a Peer review

Scelte politiche “europee” e limiti costituzionali in tema di prescrizione del reato

Oliviero Mazza

Archivio Penale pp. 775-782
DOI 10.12871/97888674161102 | © Pisa University Press 2016
Pubblicato: 20 dicembre 2015


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati


Riassunto

Ci troviamo dinanzi a giudici (super)legislatori senza responsabilità politica che con i loro interventi dettano le scelte di fondo dei sistemi penali nazionali, tanto sul terreno sostanziale quanto su quello processuale. Con riferimento, poi, al tema della prescrizione del reato, oggetto sia di una serie di pronunce (ultima in ordine di tempo, la sentenza Taricco) delle giurisdizioni europee, sia da tempo al centro di un aspro dibattito politico sfociato nell’ennesima proposta di riforma attualmente in discussione alla Camera, tutto ciò può dirsi compatibile con il nostro ordinamento costituzionale (nello specifico con i relativi “controlimiti” alla disapplicazione della norma interna) e con la sovranità che il popolo, unico titolare, esercita nelle forme della democrazia rappresentativa?


Sommario

1. La questione. - 2. La scelta politica europea sulla prescrizione del reato. - 3. Il vero e il falso nella sentenza Taricco. - 4. Principio di legalità, presunzione d’innocenza e controlimiti alla disapplicazione.

Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati